Franco Costabile, dagli ulivi alla rosa del mito calabrese

via Franco Costabile, dagli ulivi alla rosa del mito calabrese

Annunci

Franco Costabile, dagli ulivi alla rosa del mito calabrese

The Lightblue Ribbon

Questo articolo è uscito sul mensile il Lametino (n. 243) il 22 settembre 2018. Per motivi di spazio, la versione cartacea non è integrale.

Quello che resta di un poeta

Franco Costabile è tra i poeti che più hanno saputo descrivere la miseria e condizione di subalternità di questa nostra terra, parole incolonnate e senza velleità narrative, eppure così spaventosamente descrittive. Nato a Sambiase il 24 agosto del 1924, il poeta muore suicida a Roma nel 1965, a soli 41 anni. Le sue raccolte di poesie – la più famosa è La rosa nel bicchiere – sono ormai roba da collezionisti di libri rari. A differenza infatti di altri autori locali, che sono diventati icone nazionali della letteratura calabrese, Costabile ha seguito la sua vocazione alla solitudine non solo negli anni vissuti, ma anche dopo la morte. Non si parla di lui nella scuole né si trovano i suoi libri…

View original post 671 altre parole

Derek Walcott, ritratto di un amore altruista del sé

The Lightblue Ribbon

Questo articolo è uscito sul mensile il Lametino (n. 242) il 16 giugno 2018.

Una poesia in dono per scoprire l’Innocenza essenziale, la gioia che viene al di fuori dell’essere

Derek Walcott, Premio Nobel per la Letteratura nel 1992, è considerato il più grande e importante poeta e drammaturgo delle Indie Occidentali. Solo un piccolo sunto, questo, che racchiude la sua vocazione poetica che, in Walcott arriva già in tenera età, anche grazie alla madre insegnante, e si sviluppa in un contesto geo-politico particolare; il poeta nasce nel 1930 a Castries, capitale di Saint Lucia, nelle Antille Minori, una piccola isola vulcanica, ex-colonia britannica, dove si mescolano culture e lingue differenti.

“Noi poeti iniziamo nella giovinezza con la gioia, e finiamo la nostra attività nella tristezza e nella pazzia”. Walcott, per spiegare la sua poetica cita William Blake, l’artista inglese che nelle sue poesie esaltava l’emozione della “gioia dei…

View original post 739 altre parole

Stephen Hawking: uno per “tutto”, “tutto” per uno — The Lightblue Ribbon

Questo articolo è uscito sul mensile il Lametino (n. 240) il 24 marzo 2018. Per motivi di spazio, la versione cartacea non è integrale. Una vita al servizio della mente Fisico dalla mente visionaria, divulgatore scientifico, guru della cosmologia moderna: Stephen Hawking, morto a 76 anni il 14 marzo scorso, non è stato solo un brillante […]

via Stephen Hawking: uno per “tutto”, “tutto” per uno — The Lightblue Ribbon

Stephen Hawking: uno per “tutto”, “tutto” per uno

The Lightblue Ribbon

Questo articolo è uscito sul mensile il Lametino (n. 240) il 24 marzo 2018. Per motivi di spazio, la versione cartacea non è integrale.

Una vita al servizio della mente

Fisico dalla mente visionaria, divulgatore scientifico, guru della cosmologia moderna: Stephen Hawking, morto a 76 anni il 14 marzo scorso, non è stato solo un brillante scienziato, ma un’icona pop dei nostri tempi, familiare tanto ai fan della serie tv I Simpson quanto a quelli di Star Trek, e ultimamente anche alle giovani seguaci della boy band One Direction o ai patiti di The Big Bang Theory.

La storia della sua stessa vita è stata omaggiata nella pellicola del 2014 di James Marsh “La teoria del tutto” (The theory of everything). L’attore Eddie Redmayne vestendo i panni del giovane Hawking, si è aggiudicato il Premio Oscar come miglior attore. La pellicola è l’adattamento cinematografico della biografia “Verso l’infinito”…

View original post 972 altre parole

“La Postmodern Jukebox”, un’idea vintage di Scott Bradlee — The Lightblue Ribbon

Questo articolo è uscito sul mensile il Lametino (n. 239) l’1 marzo 2018. Una band che plasma i successi del momento in versioni ironiche “Sono Scott Bradlee. Da molto tempo ho una relazione di amore/odio con la musica pop! Voglio dare il miglior contributo possibile al lessico pop. Voglio incoraggiare altri ad allargare i confini […]

via “La Postmodern Jukebox”, un’idea vintage di Scott Bradlee — The Lightblue Ribbon